Il Galletto Blu

Il Galletto Blu

lunedì 27 febbraio 2012

BORSINE PORTATUTTO

Sempre più spesso , quando apro un armadio, devo stare attenta a non rimanere  sommersa da tonnellate di piccoli avanzi, pezzettini di tela aida, fili , cotone, e tutto quello che non butto mai via , perchè come si dice?
tutto puo' fare comodo ed essere riutilizzato. Il problema è che poi inizio sempre cose nuove e tutti gli avanzini continuano ad aumentere e diventano delle montagne.  Sfrutto per bene ogni angolino, pigio, comprimo, ma bisogna pur arrendersi. Mi sono cosi' decisa ad aprire uno scatolone e vedere cosa conteneva. Avanzi di tessuto di una coperta da me cucita tempo fa' , e altri pezzi di stoffa. Ho confezionato una borsetta , un ricamino con tela aida, un po' di nastrini, e qualche avanzino è stato utilizzato.
Ho fotografato anche questo centro,  dove a punto croce ho ricamato il mio nome, noi ricamatrici si marca con cifre e iniziali tutto il nostro territorio.

domenica 26 febbraio 2012

" FEBBRAIO,,





Ho terminato anche Febbraio, questo calendario è davvero carino , Gabry ha organizzato i lavori in modo tale da  essere tutte pronte quando parte il mese successivo, nessuna  amica resta indietro, nel frattempo tramite email , ci  facciamo quattro chiacchiere, giusto per conoscersi un po'. Ci sono amiche davvero simpatiche,  trascorrere questo periodo insieme a loro , meritava proprio. Come sempre un grazie Gabry.

domenica 19 febbraio 2012

** UNCINETTO **


Anche l' uncinetto è una mia passione,  con questa tecnica ho fatto tante cose e sono sempre ben riuscite.
Questo è un centro ad uncinetto riportato poi su lino, ed una trina semplice per rifinitura. Le margherite non sono difficili da lavorare, ma sono rifinite tutte a punto bassissimo, per dare più sostegno al fiore, e serve una buona dose di pazienza. Le riviste che compravo di solito erano  " Tutto uncinetto,,  " Rakam,, dove trovavo tante idee da copiare, con buone spiegazioni. Forse è passata un pò di moda come tecnica, ma se si scelgono modelli  un pò particolari si ottengono bellissimi lavori.

domenica 12 febbraio 2012

CORREDO


Faccio parte di una generazione di donne , che hanno vissuto il bellisimo periodo della preparazione del corredo matrimoniale.Arrivata all' età di circa 13 - 14 anni , la mia mamma , appoggiata dalla mia zia, iniziò a comprare metri e metri di tela madonna, lino per asciugamani e tovaglie. Io abbagliata dalle fantasie del periodo anni "80, lenzuoli in cotone colorati o stampati con fiori, animali o addirittura i primi paesaggi ,
asciugamani in spugna,  nei colori più abbaglianti, e per la cucina iniziavano a fare capolino i primi abbinamenti
tovagliette monoposto con tovagliolo, guadavo un po' scettica tutto quel bianco , ecrù , ricami , e trine.
Ma guai a parlare di cotone, IL COTONE AMERICANO, terrore . Si diceva che a metterlo in lavatrice scoloriva,  gli asciugamani non asciugavano e cosi via, tutti discorsi a vanvera. Solo le nostre tele i nostri cotoni  erano i migliori, tutto ITALIANO, certo che le donne una volta erano toste, non so' se tutta la merce che oggi ci propinano , l' avrebbero comprata.  Per partecipare alla preparazione del corredo, mi obbligarono ad imparare il famoso giornino, con queste sfilature si rifinivano gli asciugamani , i lenzuoli le tovaglie, poi si passava al ricamo, punti semplici, e poi di seguito lavori piu' impegnativi. Quando si iniziava un lavoro doveva essere terminato, cosi' usava. Gli asciugamani della foto , sono di lino, con le famose sfilature,
ricami a punto croce, e vari punti, trine ad uncinetto. Ringrazio mia madre, che mi ha insegnato questa bellissima passione del ricamo , perchè mi sono trovata dei piccoli tesori, cose che con il tempo hanno sempre valore anche affettivo. L' unica ripicca , che ora inizio mille lavori, sparpagliati per casa , sacchetti pieni di stoffa, maglie da terminare, ricami , lavori ad uncinetto, un giorno o l' altro mi sommergono.