Il Galletto Blu

Il Galletto Blu

sabato 26 dicembre 2015

Volpina

Eccomi in versione Volpina, stanca sfinita, semicieca, semispelacchiata, semianziana. Sono giunta, forse alla meta, non so bene dove, ma ho deciso, visto che l' anno sta per terminare, di terminare anche il mio viaggio. Parcheggio il mezzo e mi concedo il meritato riposo. Il lavoro di trasporto è in chiusura. Questi sono i mesi trascinati nell' anno 2015, come i precedenti, e i precedenti ancora, una cianfrusaglia di mesi, viaggiatori/e, inconcludenti/e, maleducati/e, pretenziosi/e, per di più non paganti, tanto secondo loro, tutto è dovuto (?) e non capisco su quale concetto di diritto, per camuffarsi poi, in situazioni, fatti e persone dove non solo non ci incastrano niente, ma dove riescono solo a creare danni e incomprensioni. Sono mesi che appena giunti all' arrivo, mi calpestano per  scendere dal mezzo, veloci, rumorosi, non si vogliono perdere niente, e non sono mai contenti, già pensano alla tappa successiva, dove forse possono trovare di meglio, di più. Hanno la ridicola pretesa di arrivare belli/e, puliti/e, senza macchie, e ben asciutti/e. Niente grazie, per favore, permesso. E ancora non capisco a cosa possa servire, se non sono in pace con la propria coscienza, visto che poi un giorno ogniuno, deve rendere conto alla propria. Sono semi cieca, è vero, ma quello che intuisco, mi invade di tristezza, e, mi vergogno di loro, di esse, di come si presentano, di come si comportano, e sopra ogni cosa di quello che pretendono senza che gli sia nulla dovuto. Forse è per questo che definitivamente ho perso la fiducia in tutti e tutte, nessuno escluso, e non credo di perdermi niente. Quando manca, la parola data, che rappresenta il simbolo più puro di una nobiltà scomparsa, quando manca una calda stretta di mano che ti trasporta nell' eternità, quando manca il sincero slancio di un abbraccio che ti accoglie in porto sicuro, non so cosa resta. E, dopo tanti viaggi, nessuno si è reso conto, che poteva iniziare cosi il viaggio più bello. Mancano pochi giorni alla fine dell' anno, i  rimasugli dei  mesi, sono pregati di scendere con le buone o con le cattive dal mezzo, per chiusura attività e per chi prosegue, o rientra, cerchi di non causare danni a fatti cose o  persone, come in passato lontano o passato vicino. Non è possibile, fingere di fare del  bene, operando volutamente per fare del male.
buonafine2015  gb

2 commenti:

  1. Lavoro ineccepibile.....per il resto penso che ci siano tante persone che riescono a vedere ciò che tu vedi ora in questo momento.....e magari sono passate dalle tue sensazioni tanto tempo fa....ma ogni volta poi hanno tirato dritto e fatto finta di niente.....sono solo decisioni personali! Buon 2016

    RispondiElimina
  2. si è vero, solo mi chiedo, se queste persone, fautrici del tiro dritto, si siano mai chieste, dove, cosa e chi hanno calpestato. speriamo non si pongano la domanda a fine percorso, faranno finta di niente, ma magari è troppo tardi. ma come dici tu, in fondo sono solo decisioni personali.

    RispondiElimina