Il Galletto Blu

Il Galletto Blu

venerdì 4 novembre 2016

Mantellina pepe/sale

Un cerchio, in tessuto, anzi due, esterno/interno, in morbido tessuto, per le prime giornate di autunno, da stringere in vita con una cintura. Questa è la mia mantellina, disegnata e lavorata personalmente. Immancabile la mia piuma bianca e il tenero pesciolino d' oro.

mercoledì 3 agosto 2016

BRACCIALETTI CROCHET

Semisolosemi preziosi, lavorati con filato in cotone, ad uncinetto, margherite, unite poi con una fila di catenelle, da legare ai polsi, per formare graziosi braccialetti da indossare nel periodo estivo, in sintonia con bellissime giornate di sole. 

giovedì 16 giugno 2016

CILIEGIE

Gonna di primavera, leggero tessuto piccoli quadretti rossi e bianchi, pieghe libere, e bordo finale in tela aida con ricamo a punto croce. Per ricordare quando, ora non usa più, poco più che bambini, i ragazzini regalavano alla fanciulla del cuore un piccolo tralcio di ciliegio carico di frutti, carico di belle promesse.

domenica 24 aprile 2016

Biancheria per il bagno

Biancheria per il bagno, raffinata,  teli  in morbida spugna con inserti in lino ricamati a punto croce, anche per festeggiare il 25 Aprile, giornata importante.
25 Aprile anniversario della liberazione, la fine di uno dei periodi  più duri per l' Italia e l' Europa tutta.
Una guerra uscita dai preventivi, sia come durata che come costi di vite umane, civili e militari.. Una giornata di mostre, dibattiti, e conferenze, e sembra che niente sia stato di esempio visto che in altre terre lontane, con altre armi, con altri metodi ma con le stesse finalità, osserviamo lo stesso scenario,  non sono seviti appelli presso le istituzioni più alte, come il parlamento mondiale, per fermare, se non per una duratura pace, ma almeno una tregua, un respiro, per quelle popolazioni, già stremate, da tanto dolore, e la guerra in Siria è veramente una vergogna per tutti nessuno escluso. Ma sembra che non ci siano  altre soluzioni, solo la guerra  e la violenza risolvono tutto. Restiamo però senza parole quando la natura coraggiosa, cerca di coprire cosi tante cose brutte, in malo modo, in terre dove non dovrebbe, ed allora ci domandiamo, cosa abbiamo fatto  di male per meritarci tanto. Ma il 25 Aprile, può andare oltre, 25 Aprile anniversario della liberazione, di un organo di stampa di parte, dalla parte, dove e meglio conviene, lettere cubitali e caratteri in falsetto. 25 Aprile anniversario della liberazione, di quelle persone che ti trattengono per i capelli in situazioni di disagio, senza avere possibilità di scelta. 25 Aprile anniversario della liberaziuone, di quelle persone che creano confusione e poi si lavano felicemente le mani, allontanadosi (meno male) su altri territori. 25 Aprile anniversario della liberazione, da quelle persone, che si ricordano di te nel momento che gli fai comodo, che ti bloccano tutto, ma che ti usano come tappabuchi. 25 Aprile anniversario della liberazione da quelle persone, che ti fanno lavorare come una folle e poi non hai mica fatto niente. 25 Aprile anniversario della liberazione da quei parenti, quelli che raccatti con il tempo,  che valutano le tue capacità, anche le più modeste, e ti tolgono tutto, tanto magari non ti accorgi di niente.(!) 25 Aprile anniversario della liberazione di quelle persone che ti impongono colori forzati, per forza, senza scelta, nelle persone sensibili creano disastri. 25 Aprile anniversario della liberazione di quelle persone che trattano sulla tua persona, sul tuo intimo, sulla tua sensibilià. 25 Aprile anniversario della liberazione di quelle persone che cercano di cambiarti, quando magari sarebbe il caso che si cambiassero loro. 25 Aprile anniversario della liberazione di quelle persone che insistono nel dirti se ho capito, chissà perchè. 25 Aprile anniversario della liberazione. GBC2016

domenica 17 aprile 2016

Cappellino

Estivo, da indossare per ripararsi dai raggi del sole troppo forti e.... altro, lavorato con un cordonetto colore ruggine,  decorato con un fiore in tulle e nastri di raso. Semplicemente da togliere al momento che non serve più.

giovedì 24 marzo 2016

* CASINE *

Ecco le fatate casine incantate, non manca niente di quello che serve. Punto croce su lino.
Graziella Belli Capaccioli
Belli da parte del mio Babbo
Capaccioli da parte della mia Mamma

lunedì 21 marzo 2016

VENERDI SANTO

In attesa del Venerdi Santo, leggendo una poesia scritta personalmente dalla mia adorata e carissima zia Suor Cecilia Coli.Purtroppo, deceduta già da diversi anni, lasciando un grande vuoto, nella nostra famiglia.

venerdì 18 marzo 2016

BISCORNU

 Un nuovo e piccolo oggetto per il set di ricamo,
un biscornu, per sistemare aghi e spilli, tutto ricamato a punto croce, rose, foglie e greche, e un bottoncino centrale, particolare la cucitura. Delizioso il lato a
il lato b, e il laterale. Merito anche dei preziosi consigli
 delle signore, del gruppo di ricamo " La Tela di Penelope" non mancano preziosi consigli su tecniche, punti, e schemi
sempre nuovi e con entusiasmo ed allegria si imparano cose interessanti : )


lunedì 22 febbraio 2016

Arancione & Oro


 Da tempo ho questo completo, confezionato da me, il corpetto a ferri, mentre lo sprone ad uncinettro, cosi come la stola la parte centrale, sempre a ferri, mentre le estremità, sempre ad uncinetto. E' uno dei miei completi preferiti, non passa mai di moda, e  i colori miscelati insieme formano una sfumatura incantevole.

sabato 9 gennaio 2016

MOBILI

Ero veramente giovanissima, quando una delle mie grandi passioni,era arredare gli interni, e con un soffio di matita e creatività, trovavo mille soluzioni e combinazioni, perchè pensavo che le pareti, il tetto, i pavimenti e gli infissi, proteggessero la cosa più bella e meravigliosa, la famiglia. E sempre con un soffio di matita, coloravo gli ambienti, per renderli confortevoli e piacevoli. E ancora, sempre, con un soffio di matita, cercavo nuove combinazioni, perchè una parte della casa, anche una piccola parte, potesse incontrare la natura, con i suoi colori e con i suoi profumi. Ormai, tempo passato, ormai, tempo che fù.